“D’amorë e dë sdegnë ” – Canti e balli delle Puglie allo stato brado

“D’amorë e dë sdegnë ” – Canti e balli delle Puglie allo stato brado

“D’amorë e dë sdegnë ” – Canti e balli delle Puglie allo stato brado

Sabato 2 giugno - Grintoso e affiatato gruppo di giovani suonatori, cantatori e ballatori, nato in situazioni di feste rituali, questue, serenate e momenti conviviali, accomunato dalla passione per la musica tradizionale di contadini e pastori.

Ore 23:15|Piazza Sant’Antonio

D’AMORE e dë sdegnë Canti e balli delle Puglie allo stato brado
a cura di Giovanni Amati, Donato Francioso, Giuseppe Tagliente, Rosario Nido e Bernardo Bisceglia

I cinque componenti provengono dal Gargano e dalla Murgia meridionale, due veri e propri scrigni musicali dove ancora sono presenti eccezionali interpreti della cultura musicale. Il repertorio segue il filo conduttore della tarantella che più a sud diventa pizzica pizzica e delle serenate d’amore, di sdegno, di amicizia e di questua. I balli e i canti sono accompagnati dagli strumenti tradizionali: organetti, chitarre battenti, tamburi a cornice e castagnole, questi ultimi costruiti dagli stessi suonatori.

La musica viene proposta in maniera naturale senza forzature filologiche, nè stravolgimenti, così come avviene in momenti di quotidianità in cui ancora oggi, alcune famiglie delle nostre comunità, si esprimono con la musica e i balli in cui si riconoscono, tra tenaci persistenze, naturali sincretismi e contraddizioni. Tutti i componenti hanno al loro attivo partecipazioni a festival e iniziative legate alla valorizzazione e diffusione della musica tradizionale sul territorio nazionale e all’estero.

Le tradizionali “Ronde Sonore” spontanee