PRATICHE PER UN’AGRICOLTURA RIGENERATIVA

PRATICHE PER UN’AGRICOLTURA RIGENERATIVA

PRATICHE PER UN’AGRICOLTURA RIGENERATIVA

Tutti i giorni - Anche quest’anno a Borgoinfesta verrà dedicato uno spazio alla sana agricoltura e ad alcune tecniche, che insegnano come riportare la vita nella terraattraverso microrganismi, sostanze organiche e minerali e come leggere la presenza di questi componenti nei nostri terreni attraverso la cromatografia.

tutti i giorni | Corte dei Pino

a cura Ortorganico Ngracalati Borgagne

Mattia Pantaleoni, esperto in Agricoltura Organica e Rigenerativa, insieme giovani agricoltori che a Borgagne curano l’Orto Organico, un esempio dell’utilizzo di questo tipo di agricoltura, curerà l’iniziativa.

“L’agricoltura rigenerativa è un modo diverso di vedere le cose, è tornare alla diversità, alla biodiversità, all’equilibrio dinamico, all’armonia, perché fare agricoltura non significa solamente produrre cibo, ma è recuperare la relazione suolo-piante-persone. Quando invece di disinfettare il terreno (come suggerito dall’agricoltura convenzionale, utilizzando chimica che uccide i microrganismi) aggiungiamo microrganismi e vediamo che questo si struttura e recupera la sua fertilità producendo piante e frutti sani, curando le piante dalle malattie ed equilibrando le relazioni tra i componenti del terreno per generare un luogo salubre, mi chiedo: se non uccidiamo i patogeni che cosa succede? Perchè il suolo si rigenera”